Spedizione gratuita da 40 € - Scegli omaggi a partire da 25 €

Spedizione gratuita da 40 € Scegli omaggi a partire da 25 €

Allenamento a digiuno: 4 miti da sfatare

L’allenamento la mattina è un boost per il fisico e l’umore. Sono in molti, però, a pensare che sia meglio farlo a digiuno. Ti spieghiamo perché non è così e quanto uno spuntino di frutta secca e noci possa fare la differenza.

Sono molte le persone che decidono di fare sport la mattina, prima di andare a lavoro. Allenarsi appena svegli può avere, infatti, un impatto notevole sulla vita quotidiana: più energiamiglioramento dell’umore e ottime prestazioni.

Corse in bicicletta, sessioni di crossfit o di nuoto…  Molti affrontano questi allenamenti mattutini, anche se particolarmente vigorosi, a digiuno. Lo fanno perché pensano che il corpo sia, così, portato a consumare più grassi, e sia possibile controllare il peso ponderale. Sono, invece, molti i nutrizionisti e i medici ad affermare quanto, in realtà, non sia esattamente vero e qui vogliamo dirvi il perché.

Ecco i quattro miti da sfatare e in fondo i consigli su come, invece, alimentarti per dare il meglio di te e stare in salute:

1) Una prestazione meno eccellente

Allenarti a digiuno può incedere negativamente. Come? Puoi trovarti ad avere delle carenze di fonti di energia, che significano una prestazione più fiacca. Ma non solo: a fine sessione potresti sentirti fuori forma e drenato.

Inoltre, allenarsi a digiuno non è dannoso ma può implicare intensità e durate limitate e, quindi, a un consumo calorico minore.

Per di più, significa essersi astenuti dal mangiare per almeno da 12 ore… Diverso, invece, dal farlo a stomaco vuoto, che consiste di una pausa di almeno tre ore.

Un consiglio: prima di intraprendere un nuovo schema alimentare, chiedi sempre l’opinione di un professionista, come un nutrizionista o un medico sportivo, in grado di aiutarti a gestire al meglio l’alimentazione. Ti sconsigliamo d’improvvisare…

2) Il tuo corpo brucia più grassi prima… ma meno dopo

Molte persone decidono di allenarsi al mattino a digiuno convinti di “bruciare più grassi”. Ma è veramente così?
Sì, allenarsi a digiuno aumenta il consumo di grassi. Avviene perché l’organismo, che ha riserve epatiche e muscolari di glicogeno limitate, la considera come una situazione di emergenza. Quindi, reagisce e si adatta incrementando l’ossidazione lipidica a discapito di quella glucidica.

Dopo? Succede l’inverso. Ovvero terminato l’allenamento, compensato il debito di ossigeno e consumato il primo pasto, per ripristinare l’equilibrio si riduce la percentuale di grassi a favore di quella degli zuccheri.
Insomma, l’organismo tende sempre all’equilibrio. Quindi è praticamente impossibile forzarlo a consumare più grassi che zuccheri e, se anche fosse, alla prima occasione cercherà di compensare il tutto!

3) Non è per tutti

Non tutti sono capaci a tollerare il digiuno. Quindi, non sentirti in colpa se senti che ti scombussola particolarmente. Ci sono, per esempio, persone con una scarsa flessibilità metabolica, che soffrono la mancanza dei pasti, soprattutto per quanto riguarda l’assenza di carboidrati. Per loro, allenarsi al mattino a digiuno può essere rischioso.
Alcuni se non mangiano per molte ore e consumano comunque energia, vedono l’insorgere di fastidiosi mal di testa o cefalee.

Per contro, altre persone sostengono di rendere di più allenandosi a stomaco vuoto piuttosto che dopo un pasto. È, in realtà, abbastanza comprensibile. Il vantaggio principale consiste nella totale assenza di altre attività del corpo che richiedono sangue ed energia, come la digestione ad esempio. Lo svantaggio invece, è una riduzione dell’autonomia per la sessione di allenamento (50-60 minuti di media) o dell’intensità (una corsetta è ben diversa da un allenamento di crossfit).

4) Non è benefico per la massa muscolare

L’allenamento a digiuno ha un altro inconveniente: se da un lato promuove la lipolisi e l’ossidazione dei grassi, dall’altro richiede, comunque, una certa quantità di glucidi. Il nostro corpo da dove prende i glucidi, se siamo a digiuno?
I muscoli attingono alle scorte di glicogeno e il cervello da quelle del fegato. E una volta esaurite? I muscoli iniziano a ossidare gli amminoacidi ramificati strutturali ed il fegato inizia la neoglucogenesi attingendo agli amminoacidi circolanti. Quindi, detto in soldoni, facendo sport con pochi nutrienti energetici, soprattutto proteine a carboidrati, vai a intaccare la massa muscolare.

Lo snack ideale pre-allenamento per avere le migliori prestazioni e controllare il peso
Per allenarti al meglio la mattina ti consigliamo sempre un pasto, anche se piccolo, pre-workout. Gli snack ideali, capaci di darti energia senza intaccare il metabolismo e la tua prestazione, sono dei mix di frutta secca e semi, come mandorle o noci.

Noi di Makadamia siamo specialisti nel fornire i mix ideali per gli sportivi che si prendono cura di sé.

Mix Funzionali Makadamia sono creati appositamente da una nutrizionista per ogni occasione d’uso. Inoltre con il comodo contenitore in alluminio, il Maka-Tool, potrai portare comodamente con te delle porzioni da 30 o 40 g..

Un esempio? Il Mix Wellness composto da  Mango, Anacardi, Noci del Brasile e Papaya.

VUOI CREARE DA SOLO IL TUO MIX? Non c’è problema.
Puoi farlo nella nostra pagina Crea il Tuo Mix! È facile ed anche divertente.

Hai dubbi su quando è meglio consumare il tuo snack o in che porzioni? Ti consigliamo di leggere Quando mangiarla per il massimo dei benefici e Le giuste porzioni giornaliere.

Pubblicato da Makadamia

Potrebbe interessarti:

Il tuo Carrello

Accedi

Non hai ancora un account?

Inizia a digitare per effettuare una ricerca.